domenica 10 settembre 2017

Quanti modi di fare e rifare il Pollo in fricassea

Ben ritrovati a tutti! Trascorso bene l'estate? Da queste parti è stata piovosa e fredda, praticamente una primavera continuata!
Però avendo sentito delle alte temperature che ci sono state in Italia e in tante parti del mondo, sono contenta di aver scelto di andare in ferie a settembre e di essere rimasta in Norvegia in agosto! Il caldo afoso non lo sopporto più..

Oggi riprende il nostro mensile appuntamento con la Cuochina, Anna e Ornella per Quanti modi di fare e rifare


con un piatto della tradizione toscana: Pollo in fricassea! Ce lo propone la nostra Cuochina che da un po' di tempo si diletta a preparare, con le sue mani esperte, stuzzicanti e appetitose ricette regionali, per lo più, tratte sul libro “ le Ricette Regionali Italiane” edito da Solares. Grazie Cuochina!

Ingredienti per 2 persone
  • 500 g di pollo (io petto di pollo)
  • erbe aromatiche qb
  • 1/2 cipolla
  • 20 g di burro
  • 2 cucchiai d'olio extravergine d'oliva
  • 1 bicchiere di brodo di dado (io vegetale)
  • 1 cucchiaio di farina
  • sale e pepe
  • 1 tuorlo
  • 1/2 limone
Togliere il grasso in eccesso del pollo, lavarlo e tagliarlo a pezzi regolari. 


Lavare e legare insieme le erbe aromatiche, tagliare a fette la cipolla.

In una padella fa sciogliere il burro e l'olio, unire la farina e mescolare con un cucchiaio di legno per non far formare grumi, quando prenderà il colore ambrato, unire man mano nella padella 1/2 bicchiere di brodo tiepido e mescolare. 

Appena inizia a sobbollire, aggiungere le erbe aromatiche e la cipolla e farle ammorbidire, unire i pezzi di pollo, sale e pepe e cuocere col coperchio. Far cuocere per 20 minuti circa, capovolgendo di tanto in tanto i pezzi di pollo nella padella, se il sughetto si asciuga, versare ancora un poco di brodo.
Con una forchetta mescolare il tuorlo con il succo di mezzo limone, togliere la padella dal fuoco ed irrorare il pollo con la salsina d'uovo, mescolare bene senza far rapprendere l'uovo, si deve solo creare una densa salsina. Travasare nel piatto da portata e mangiare caldo. 
Che dire? Buonissimo!! E dove saremo il giorno 8 di ottobre? A spasso per Siena a gustarci il Budinone senese. Vi aspettiamo in tanti!


QUI 
ULTIMI INSERITI!! per scaricare la prima e seconda parte del pdf 2016
per scaricare la prima e seconda parte del pdf 2015
per scaricare la prima e la seconda parte del pdf 2014
per scaricare la prima e la seconda parte del pdf 2013
la prima e seconda parte del pdf anno 2012
ed il pdf intero delle ricette anno 2011

domenica 9 luglio 2017

Quanti modi di fare e rifare: Panzerotti pugliesi

Eccoci arrivati all'ultimo appuntamento prima delle ferie estive! In agosto, come la maggior parte degli italiani la Cuochina, Anna e Ornella va in vacanza e si riposa. Ritornerà per la gioia di tutti in settembre, con altre succulente ricette da fare e rifare insieme.
Sarebbe bello poter rimanere qui in Puglia, dove siamo oggi tutti noi di Quanti modi di fare e rifare

per crogiolarsi al sole e godere di un fantastico mare..ma per il momento il lavoro non me lo permette. Per me le vacanze arriveranno in settembre quest'anno.
Ho preparato con piacere questa meravigliosa ricetta, i panzerotti pugliesi perché oltre alla bontà, è legata ad un ricordo molto piacevole della mia vita. Anni fa ho conosciuto una signora pugliese, Pasqua ma chiamata da tutti Pasquina, sposata ad un mio compaesano veneto. La coppia viveva e vive tuttora a Vancouver in Canada e spesso ritornavano in Italia a trovare i parenti. In quelle occasioni, che avvenivano principalmente in estate, andavamo a salutarli e lei, immancabilmente, ci preparava i panzerotti! Li adoravo! E adoravo anche perché lei è una signora solare, simpaticissima. Peccato che, grazie ai miei molteplici trasferimenti ci siamo perse di contatto..
Ecco qui la mia versione dei panzerotti:


Ingredienti:
per l'impasto base nr.3 della Cuochina
  • 210 g di farina di forza
  • 90 g di licolfico
  • 105 g di acqua
  • sale
per il ripieno
  • prosciutto
  • formaggio gouda
  • sugo di pomodoro
olio per priggere

Ho iniziato la sera prima con l'impasto versando licoli nella ciotola della planetaria. Ho aggiunto l'acqua  mescolando. Ho unito la farina e fatto impastare fino ad incordatura. Alla fine ho aggiunto il sale e fatto incorporare bene all'impasto. Ho trasferito in una ciotola, coperta con un pezzo di carta da forno e poi la pellicola trasparente. Ho messo in frigo fino il giorno seguente.
Qualche ora prima di preparare i panzerotti ho tolto l'impasto dal frigo e l'ho lasciato a temperatura ambiente. Dopodiché ho formato 6 palline che ho coperto e fatto lievitare. Nel frattempo ho preparato il sugo facendo rosolare uno spicchio d'aglio in un cucchiaio di olio, ho aggiunto il pomodoro, il sale e origano. Ho fatto cuocere per qualche minuto. Ho tagliato a pezzettini il prosciutto e grattugiato il formaggio. Tutto pronto per farcire i panzerotti!

A lievitazione avvenuta ho infarinato la spianatoia ed ho iniziato a stendere l'impasto con le mani ed un po' anche con il matterello.
Ho messo sopra un po' di pomodoro, formaggio e prosciutto.
Li ho chiusi e sigillati bene con l'aiuto di una forchetta. Ho scaldato l'olio e, non appena è arrivato a temperatura, ho fritto i panzerotti per qualche minuti da entrambi i lati.
Meravigliosi, mi ripeto :-)
Ed ecco l'interno!

Dove saremo il prossimo 10 settembre? Tutti a preparare il Pollo in fricassea della Cuochina! Vi aspettiamo in tanti!
 Nel blog di "Quanti modi di fare e rifare" e nella pagina di Facebook della Cuochina si possono visualizzare tutte le versioni proposte oggi e tanto altro!  QUI per scoprire il menù 2017!



QUI 
ULTIMI INSERITI!! per scaricare la prima e seconda parte del pdf 2016
per scaricare la prima e seconda parte del pdf 2015
per scaricare la prima e la seconda parte del pdf 2014
per scaricare la prima e la seconda parte del pdf 2013
la prima e seconda parte del pdf anno 2012
ed il pdf intero delle ricette anno 2011
 



giovedì 15 giugno 2017

Insalata di lenticchie nere Beluga

Ho trovato le mie prime lenticchie Beluga in Svezia, qualche mese fa. Da quel giorno stavano pazientando nella dispensa in attesa che la cuoca, sempre super impegnata, si decidesse a prepararle. A vederle così nere, mi facevano un po' "impressione" ma il gusto è davvero ottimo.
Le dosi sono ad occhio, ho pesato sole le lenticchie, perché il sacchettino ne conteneva 500 g e mi sembrava una dose eccessiva per l'insalata per due persone :-)!

Ingredienti
  • 200 g di lenticchie nere Beluga
  • gamberetti già cotti e sgusciati
  • insalata verde
  • pomodorini 
  • basilico rosso
  • sale e pepe
  • succo di limone
  • olio extravergine di oliva
Lavare bene le lenticchie e versarle in una pentola con acqua fredda. Portare ad ebollizione e far cuocere  per circa 20 minuti o fin quando si ritiene che siano pronte. Salare alla fine e lasciare raffreddare nell'acqua di cottura per far assorbire il sale (procedimento visto in questo sito).
Mescolare insieme tutti gli ingredienti, condire con olio, sale se occorre, pepe e succo di limone.


 Un delizioso piatto unico che rifarò spesso!

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails