domenica 19 marzo 2017

Zeppole al forno

E' la prima volta che preparo questi dolci per la festa del papà. Non è sicuramente la ricetta classica, dato che ce ne sono migliaia in rete, una differente dall'altra; decidere qual'è tra le tante diventa molto difficile! Così ho fatto a modo mio e sono piaciute molto :-) 
Ho fatto due versioni, una con la farina 00 per dolci (sono quelle che si vedono nella foto sopra) e un'altra con farine varie. Ecco quello che ho usato:

Ingredienti ricetta con farine: 00, mandorle e riso:
  • 90 g farina 00
  • 50 g farina di mandorle
  • 60 g farina di riso
  • 200 g latte intero
  • 80 g di burro
  • 5 uova
  • un cucchiaio di zucchero
  • mezzo baccello di vaniglia
  • sale
Ingredienti ricetta farina 00
  • 200 g di farina 00
  • 200 g latte intero
  • 80 g di burro
  • 5-6 uova
  • un cucchiaio di zucchero
  • mezzo baccello di vaniglia
  • sale
Per la crema pasticcera ho seguito questa ricetta già postata.
Il procedimento è uguale per entrambi le versioni, ma la foto passo passo si riferisce a quella con farina di mandorle, per intenderci. 
Per l'impasto con solo la farina normale, ho aggiunto un uovo in più per ottenere un impasto più cremoso.
Se non si trova, come succede a me, la farina di mandorle in commercio, frullarle fino a ridurle in polvere. Passare quindi al setaccio.
Bollire il latte con la vaniglia, aperta in due nel senso della lunghezza, il burro ed il sale. A bollitura, togliere la vaniglia, versare le farine, precedentemente setacciate insieme. Mescolare energicamente e continuamente fino ad ottenere un composto come si vede nella foto sotto.

Mettere nella ciotola della planetaria e lasciare intiepidire. Quindi unire le uova, uno alla volta, non aggiungendo il successivo se non dopo aver fatto incorporare il precedente.  Con il sac a poche partire dal centro e fare due giri intorno. Si vede anche questo meglio nell'ultima foto. Infornare a forno preriscaldato a 200°C per 10 minuti poi continuare la cottura per altri 10-15 minuti a 175°C. è Dopo aver aggiunto ed incorporato l'ultimo uovo, lasciare l'impasto a riposare per una ventina di minuti, coperto,  prima di usarlo. Dico questo perché le ultime zeppole che ho cotto, sono venute meglio delle prime..
Con il sac a poche partire dal centro e fare due giri intorno. Si vede anche questo meglio nell'ultima foto. Infornare a forno preriscaldato a 200°C per 10 minuti poi continuare la cottura per altri 10-15 minuti a 175°C. 
Farcire con la crema pasticcera. Sopra ho messo mirtilli cotti con un po' di zucchero..ne ho tantissimi in congelatore dall'anno scorso!
Cospargere con zucchero a velo

versione "classica"...

...l'altra versione.
Alcune le ho cotte mettendole in uno stampino di carta da muffin..si sono gonfiate di più in altezza. Credo che la prossima volta adotterò questo sistema per tutte!
Quasi in ritardo ma..Tanti auguri a tutti i papà!

domenica 12 marzo 2017

Quanti modi di fare e rifare: Gulasch di manzo (Rindsgulasch)

La primavera si avvicina, ma qui nel grande nord ce ne vuole perché arrivi! Un giorno piove, uno nevica..poi ghiaccia. Insomma giornate molto imprevedibili!
E continuerà così fino ad aprile inoltrato.
Un punto fermo invece, un appuntamento sicuro, imperdibile noi lo abbiamo con la nostra Cuochina, Anna e Ornella, mese dopo mese, a dispetto del vulnerabile tempo! Per quanti modi di fare e rifare..
oggi prepariamo un piatto altoatesino da leccarsi i baffi! Il gulasch di manzo! La nostra Cuochina l'ha fatto, personalmente con le sue abili manine, attingendo dal libro “ le Ricette Regionali Italiane” edito da Solares.

Ecco la mia versione, accompagnata senza dubbio dalla polenta!
Ingredienti per 4 persone
  • 500g di manzo
  • 200g di passata di pomodoro
  • 1 grossa cipolla
  • brodo qb
  • 2 cucchiai di strutto (ho sostituito col burro)
  • 2 spicchi d'aglio
  • alloro, maggiorana, paprika
  • aceto, sale
  • scorza di limone(omessa)

In una casseruola mettere il burro, la cipolla tritata finemente e far appassire a fuoco lento. Insaporire con un poco di aceto ed un cucchiaino di paprika. Aggiungere la carne tagliata a grossi dadi e far soffriggere per qualche minuto, unire poi la passata di pomodoro, l'aglio, due foglie di alloro, un rametto di maggiorana e 200 ml di brodo.
Mescolare, salare, incoperchiare il recipiente e lasciar cuocere a fuoco moderato per 2 o 3 ore, fintanto che la carne diventi tenera, mescolando di tanto in tanto per evitare che si attacchi sul fondo. Aggiungere del brodo nel caso il sugo si asciughi molto.
A cottura ultimata, togliere l'aglio e le foglie di alloro, servire il gulasch ben caldo. Io lo adoro con la polenta!

Ci ritroviamo domenica 9 aprile per fare tutti insieme il Tagano, una  gustosissima ricetta classica siciliana, precisamente da Agrigento! Vi aspettiamo in tanti!


Nel blog di "Quanti modi di fare e rifare" e nella pagina di Facebook della Cuochina si possono visualizzare tutte le versioni proposte oggi e tanto altro!  QUI per scoprire il menù 2017!

QUI 
ULTIMI INSERITI!! per scaricare la prima e seconda parte del pdf 2016
per scaricare la prima e seconda parte del pdf 2015
per scaricare la prima e la seconda parte del pdf 2014
per scaricare la prima e la seconda parte del pdf 2013
la prima e seconda parte del pdf anno 2012
ed il pdf intero delle ricette anno 2011

mercoledì 8 marzo 2017

Dolce di mele e orzo con l'impasto base nr.15 della Cuochina

Dopo tanto tempo, la Cuochina, per quanti modi di fare e rifare, ha ripreso finalmente a pubblicare i suoi fantastici impasti base! E' arrivato, per la gioia di tutti noi, l'impasto base nr.15. Come tutti i precedenti anche questo è ottimo e si presta a tantissime variazioni.
La Cuochina Anna l'ha già provato e ha preparato questa bellissima, sofficissima treccia a due capi
Non ci resta che mettere in moto la fantasia e creare tanti altri golosi lievitati, che andranno ad arricchire la nostra già fornitissima e meravigliosa màdia.
Io ho pensato di fare un dolce con le mele, forse dalla forma un po' bizzarra, ma proprio buono! Beh è difficile, se non impossibile, fallire con i lievitati della Cuochina!

Ingredienti
  • 190 g di farina di forza (circa 13 % di proteine) 
  • 50 g di farina debole (io farina di avena)
  • 30 g di zucchero 
  • 60 g di orzo in chicchi, cotto circa 120 g
  • 80 g di licolfico  attivo
  • 130-150 g di latte
  • 2 cucchiai di olio evo(due cucchiai di burro)
  • un pizzico di sale 
Ho aggiunto per la farcitura:
  • 60 g di burro
  • 60 di zucchero
  • cannella
  • circa 3 mele tagliate sottilissime
  • mirtilli
Far cuocere l'orzo in acqua bollente leggermente salata, per il tempo riportato sulla confezione, scolarlo e far raffreddare (da 60 g diventa circa 120 g). 
Nella ciotola della planetaria mettere l'orzo freddo, licoli, 130 g di latte e mescolare per qualche secondo con una frusta. Aggiungere le farine, unire lo zucchero. Impastare e, se necessita, unire altro latte. A me non è servito. Unire il sale ed il burro morbido. Continuare ad impastare per incorporare il tutto. Togliere dalla ciotola e mettere l'impasto sopra la spianatoria infarinata. Fare qualche piega e poi trasferirlo in un'altra ciotola leggermente infarinata. Coprire e lasciare lievitare.
Per problemi di orari, ho lasciato a temperatura ambiente per qualche ora, poi l'ho messo in frigo fino al giorno dopo. Prima di usarlo, l'ho rimesso nuovamente a temperatura ambiente fino al raddoppio.
Dopodiché ho steso una sfoglia rotonda, vi ho spalmato sopra il burro morbido mescolato con lo zucchero e la cannella. Ho tagliato 12 spicchi, su ognuno ho disposto le mele tagliate finissime, Ho arrotolato a cornetto e li ho disposti su uno stampo leggermente imburrato e infarinato. 
La foto rende meglio l'idea 😊
Ho coperto e lasciato lievitare ancora. Ho cotto in forno a 180°C per circa mezz'ora. Consiglio uno stampo non apribile e con i bordi un po' più alti di quello che ho usato io, per evitare che il burro con il succo delle mele, possa schizzare qualche goccia nel forno durante la cottura.
Mirtilli e mele..delizioso abbinamento!


 e la fetta!



Avviso
Scusate..ma visto i, sempre più numerosi, commenti spam, che mi arrivano quotidianamente in tantissimi post sono stata costretta, per il momento e mio malgrado, a scegliere la moderazione dei commenti...

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails